� possibile navigare le slide utilizzando i tasti freccia

FOTO C

Dal 14 al 25 giugno si sono svolti, presso l'Atelier Creativo del Nostro Istituto, i corsi di robotica educativa Robot Ubbidienti 2 e Robot Intelligenti 2: i moduli sono stati la continuazione dei due analoghi corsi attivati con successo dall'Istituto nell'estate del 2019, e hanno finalmente portato a compimento, nonostante le difficoltà legate all'emergenza sanitaria in atto, il progetto PON Robottando s’impara, attivato grazie a un finanziamento proveniente dal Fondo Sociale Europeo.

 

Nel modulo Robot Ubbidienti, rivolto ai bambini più piccoli (dai sette agli otto anni), i partecipanti hanno imparato a interagire con robot assemblati per programmare spostamenti sul piano in base a direzione, verso e velocità, anche inventando fantasiosi travestimenti con l'utilizzo di materiali di recupero. Nel modulo Robot Intelligenti, rivolto ai bambini di quinta Primaria e prima Secondaria (dai nove agli undici anni), gli allievi hanno utilizzato kit robotici dotati di sensori per costruire robot "intelligenti" e per programmarli al fine di giungere alla soluzione di problemi robotici tipici, come labirinti, ricerca, reazioni input / output. Nonostante il caldo, reso ancor più fastidioso dal necessario uso delle mascherine, e nonostante l'impegno significativo richiesto (tre ore al giorno per dieci giorni per ciascun modulo), i bambini hanno frequentato i corsi con costanza e partecipazione. Grazie alla robotica educativa gli allievi hanno messo alla prova le proprie capacità di osservazione, di ragionamento, di sperimentazione, di comunicazione e di collaborazione; hanno imparato ad affrontare nuove sfide con entusiasmo, e hanno compreso che gli "errori" non devono essere fonte di ansia o di vergogna, come spesso purtroppo accade a scuola e nella vita, ma uno stimolo per riflettere criticamente sul proprio operato al fine di modificarlo per raggiungere finalmente gli obiettivi prefissati. È la grande lezione dell'autodeterminazione: saper accettare serenamente di non aver eseguito in modo ottimale il proprio lavoro e da lì ripartire per migliorare. E quando, nonostante il caldo e la fatica di un anno appena trascorso, gli insegnanti si accorgono che nessuno vuole interrompere il lavoro per fare l'intervallo e che all'ora di uscita nessuno smette di lavorare, si può ben dire che il progetto abbia avuto successo, e sia riuscito a far comprendere agli allievi quanto sia coinvolgente e stimolante imparare a imparare.

Clicca qui per vedere il video 

Robotica
Robotica Robotica
Robotica
Robotica Robotica
Robotica
Robotica Robotica
Robotica
Robotica Robotica
Robotica
Robotica Robotica
Robotica
Robotica Robotica
Robotica
Robotica Robotica
    

     

Altre News

Torna all'inizio del contenuto